Portale pastorale con immagini e video
 
 Cerca  

Menu principale
Home Page
Cartoline virtuali
Guarda cartolina
Cartoline inviate e ricevute

Calendario eventi
Aggiungi un'evento

Siti Partner
Link
Segnala
Più visitati
Più votati

Chat
Archivio messaggi

Documenti
Notizie
Invia articolo
Archivio notizie
Argomenti

Liturgia del giorno

NOVITA'


Immagini religiose



Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
 
Espande/Riduce le dimensioni di quest'area
Da quel giorno...
Pubblicato da: paoletta , il: 8/3/2008

Scarica questa pagina sul tuo computer

 

Per inventare nuovi spazi
dove i corpi si rialzeranno,

egli ha steso le braccia:
l’uomo è liberato, il muro è crollato
su cui avevan scritto che Dio è morto.
Perché siete tristi ancora?

      Dal quel giorno del sangue versato
      sapete ormai che tutto è grazia.

Per trarvi fuori dalla stretta
e guidarvi in luoghi deserti,
egli ha steso le braccia:
il mare si è alzato, il popolo ha traversato
lo splendido sentiero ch’egli ha riaperto.
Perché non passare il mare?

      Dal quel giorno del sangue versato
      sapete ormai che tutto è grazia.

Per trattenervi accanto a lui
trasfigurati dallo Spirito,
egli ha steso le braccia:
il velo è strappato e il libro dissigillato
che teneva nascosto il dio vivente.
Perché non correre a lui?

     
Dal quel giorno del sangue versato
      sapete ormai che tutto è grazia.

 

(D. Rimaud, Gli alberi nel mare, Elledici, 1977, pp. 32-33)




Salva questa pagina nel formato:

[ Torna a POESIE E FILASTROCCHE | Indice dei documenti ] Visualizza pagina stampabile Segnala articolo ad un amico

Provviste Viaggio 20 Ordinario A (16 agosto)


Domenica bambini 20 Ordinario. (16 agosto)


I nostri slideshow